Di ritorno dal convegno GT forum 2007

- 9 dicembre, 2007 11:08 pm

Le primissime impressioni a caldo confermano le attese della vigilia. La due giorni fiorentina del Convegno GT Forum ha ruotato intorno ad argomenti più informativi il primo giorno e strettamente tecnici il secondo.
La giornata di Sabato 8 Dicembre ha visto protagonisti Alberto Giusti e Flavio Marchi che hanno raccontato la seconda vita dell’ E Mail Marketing.
Marco Palminiello di SEMS ha concluso la mattinata illustrando i risultati del sondaggio commissionato a OTO sulle abitudini di ricerca in Italia.
Nel primo pomeriggio è stato compito di Luca Catania di BioRanking risvegliare la platea dai torpori post-pranzo con una presentazione esilarante ed una innovativa interattività con il pubblico (e buoni contenuti). A pieni meriti si aggiudica il premio Simpatia.
Formativo l’incontro con Enrico Madrigano, uno dei migliori, che ha spiegato alla platea come progettare una landing page.
La giornata si è conclusa con l’incontro dedicato alla Web Analytics tenuto da Enrico Pavan di TSW, Marco Cilia ed Alessio Semoli di Trackset.
La seconda giornata si è aperta con gli speech d Alessandro Banchelli sui nuovi brand influenti della rete e di Luca Conti che ha introdotto il concetto di Buzz Marketing illustrando gli sviluppi di Buzz Paradise, azienda con base a Lussenburgo impegnata in campagne di Buzz Marketing.
Incontro controverso è stato quello con Andrea Guarini, assistente nonché sostituto dell’indisposto Prof. Vittorio Menesini, incentrato su Motori di Ricerca e legislazione, caratterizzato da ampie divergenze tra pubblico relatore.
A seguire sono stati Johnnie Maneiro (a cui spetta il premio Stakhanov) Sante J Achille con un incontro dedicato a passato, presente e futuro delle piattaforme blog, con particolare interesse nei confronti di WordPress.
A concludere la seconda mattinata di incontri sono intervenuti Maurizio Petrone, con uno tanto efficiente quanto schematica presentazione sulla pianificazione di un intervento di Web marketing e la coppia Gianandrea Giacoma e Davide Casali, che hanno invitato a riflettere sull’aspetto socio-psicologico dei social network. Sono rimasto piacevolmente sorpreso da quest’ultimo intervento, mai in eventi del settore avevo sentito parlare di sistemi complessi in termini così rigorosi (anche se solamente accennati per ovvi motivi di tempo).
Nereo Sciutto ha aperto il pomeriggio con un incontro dedicato alla formazione di un SEO focalizzando l’attenzione sulle differenze tra un SEO Freelance, uno In House ed uno stabilmente impiegato in una SEO Agency.
Divertenti e formative, come al solito, sono stati i case history di Cesarino Morellato e Piersante Paneghel. Nel primo caso sono stati analizzati dati di lungo termine (si parla di 5 anni di dati) relativi all’evoluzione di un sito web in termini di ottimizzazione. Piersante si è invece focalizzato sul problema Spam e sui riflessi degli outbound link sul posizionamento di un sito.
Last in SEO, Enrico Altavilla, Stuart Delta e Michael Gawel hanno chiuso la giornata con incontri dedicati a ricerca immagini, link building e semantica. A loro va riconosciuto il merito di aver tenuto alta l’attenzione di una platea provata da 2 giorni di convegno.
In definitiva, la mia opinione nei confronti dell’evento è buona, promossa con sufficienza abbondante. Il taglio degli incontri è stato a metà strada tra il tecnico e l’informativo, per questo motivo per la prossima edizione sarebbe meglio, a mio modesto parere, dare un taglio più netto alla manifestazione, privilegiando gli aspetti tecnici.

Postato in : Uncategorized
Print This Post Print This Post


No comments yet.

Sorry, the comment form is closed at this time.