Free + Database = Freebase

- 25 giugno, 2007 10:40 pm

L’altro giorno ricevo per E Mail un invito per partecipare al progetto Freebase. Li per li rimango perplesso, non ricordavo nemmeno di aver richiesto l’invito. Pochi minuti dopo sono già dentro al sistema, ho personalizzato il profilo e sono pronto per capire meglio come funziona questo enorme recipiente di informazioni.
Freebase nasce da Metaweb ed ha come obbiettivo quello di creare un enorme database in grado di contenere il sapere globale, grazie all’apporto dei membri della community.
In una parola, Wikipedia!
No, se Wikipedia è una enciclopedia dove il sapere è organizzato in Voci o Articoli, Freebase è un almanacco dove le informazioni sono organizzate in un database e possono essere lette sia da utenti cosi come da software (tramite API). Tutte le informazioni presenti in Freebase sono coperte da licenza Creative Common “Attribution” e possono essere utilizzate sia per scopi commerciali che non commerciali.
Il punto di forza di Freebase risiede nella capacità di organizzare in maniera strutturata la informazioni ma soprattutto nel creare connessioni tra le informazioni.
Per dirla con le parole di O’Reilly:

[…], this bottom up approach will build new connections between data, new categories and ways of thinking. It will likely be messy and contradictory for a while, but as I told John Markoff for the story on Metaweb that he was preparing for the New York Times tonight, they are building new synapses for the global brain.

Mi sono ripromesso di dedicare un po’ di tempo a Freebase nei prossimi giorni, cosi da poter preparare un report dettagliato.
PS: Serve un invito per Freebase? Scrivimi!

Postato in : Social Network
Print This Post Print This Post


No comments yet.

Sorry, the comment form is closed at this time.