Le novità di Google Webmaster Central

- 18 dicembre, 2007 11:44 pm

Dopo una lunga settimana di assenza a causa di impegni universitari, ritorno a scrivere sul blog. Tra tutte le notizie che in questi giorni si sono accumulate nel mio aggregatore, le più interessanti a mio parere sono quelle riguardanti i recenti aggiornamenti del servizio Google Webmaster Central. Ecco cosa ha introdotto Google nel tentativo di aiutare i webmaster.

Feed? Fuori delle SERP

Ebbene si, vita dura per i Feed all’interno delle pagine dei risultati di Google. Da oggi in poi tutti i feed saranno rimossi (e ricercabili solamente tramite iGoogle e Google Reader) dal momento che:

  1. Non aggiungono informazioni nuove e generano solamente contenuti duplicati
  2. Non essendo formattati in HTML, rischiano di creare confusione agli utenti

Tutti i Feed ad eccezione dei Podcast. Essendo i Podcast dei file multimediali e non copie di contenuti già presenti in formato html, Google continuerà ad indicizzarli. Per evitare l’indicizzazione di Podcast, i Webmaster possono o utilizzare il tag Robots con attributo Noindex

<meta xmlns="http://www.w3.org/1999/xhtml" name="robots" content="noindex" />

oppure possono affidarsi a Feedburner ed inserire l’opzione Feed Noindex direttamente da pannello di controllo.

Video Sitemap

Per aiutare gli spider di Google nell’indicizzazione dei video all’interno del suo Google Video Search, da oggi è possibile creare una sitemap dedicata esclusivamente ai contenuti multimediali. La sintassi da rispettare è la seguente:
<urlset xmlns="http://www.sitemaps.org/schemas/sitemap/0.9"
xmlns:video="http://www.google.com/schemas/sitemap-video/1.0">


<url>
<loc>http://www.sito.com/pagina-video.html</loc>
<video:video>
<video:content_loc>


</video:content_loc>
<video:player_loc allow_embed="yes">
http://www.sito.com/videoplayer.swf?video=1
</video:player_loc>
<video:title>Titolo del mio video</video:title>
<video:thumbnail_loc>
http://www.sito.com/thumbs/1.jpg
</video:thumbnail_loc>
</video:video>
</url>

<url>
<loc>http://www.sito.com/pagina-video-2.html</loc>
<video:video>
<video:content_loc>
http://www.sito.com/video2.mpg
</video:content_loc>
<video:description>Video divertente</video:description>
</video:video>
</url>
</urlset>

Dopo aver creato la sitemap contenente tutte le pagine e tutti i video, sarà sufficiente effettuare l’upload, sengalare l’url a Google tramite pannello di amministrazione di Webmaster Central ed attendere la visita dei crawler. Google scaricherà il video e provvederà ad inserirlo in Google Video Search, utilizzando come Metadati e Thumbnail i dati forniti all’interno dei tag <video:description>, <video:title> e <video:thumbnail_loc>.

Analisi dei Meta tag

Che bello, finalmente Google ci offre un feedback sui nostri meta tag. Nella sezione Diagnostica >> Analisi dei Contenuti è ora possibile sapre cosa pensa Google dei nostri meta tag Descritpion e Title. Meta tag identici, troppo corti, troppo lunghi o poco informativi, tutte le pagine che soffrono di qualche difetto a livello meta vengono elencate in questa sezione. Grazie!

Maggiori informazioni su Sitemap

Da oggi è possibile conoscere il numero di pagine indicizzate, con precisione maggiore rispetto al comando site:. All’interno della sezione Sitemap >> Dettagli è possibile visualizzare il numero di pagine inserite nell’indice ed eventuali errori riscontrati durante la scansione. Nulla di eclatante.

Fiu! niente errori per Cash Cow

Postato in : Search Engine Optimization
Print This Post Print This Post

Commenti
Alberto 20 dicembre 2007

Breve aggiornamento, sono uscite le linee guida di Google in italiano per la creazione di Sitemap video:
http://www.google.com/support/webmasters/bin/answer.py?answer=80472&topic=10079

Sorry, the comment form is closed at this time.